AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, VENERDÌ 16 AD ACRI

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, VENERDÌ 16 AD ACRI

MENU CON L’ARCHEO-VINO IN TERRACOTTA

SLOW FOOD ALLA SCOPERTA DEI TERRITORI

 

ACRI (Cs), Mercoledì 14 Marzo 2018 – Ritorno alla terra, recupero e valorizzazione delle antiche tradizioni, pagine di un inestimabile patrimonio fatto di saperi, sapori, metodi e procedimenti persi nel tempo. È quanto ambisce a far rivivere, raccontare e condividere L’ETERNO RITORNO – LA TERRACOTTA, IL VINO E LA CUCINA l’evento, enogastronomico e culturale, che sarà ospitato DOMANI VENERDÌ 16 MARZO alle ORE 20,30, da IL CARPACCIO, storica Osteria Slow Food ad ACRI, in Contrada COCOZZELLO.

 

Dopo la tappa ionica ospitata nelle scorse settimane a TREBISACCE, dall’Osteria Slow Food DA LUCREZIA, continua questa volta in SILA, adACRIAGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, il fortunato format itinerante lanciato nel 2012 dal Convivium Slow Food POLLINO-SIBARITIDEARBERIA con l’obiettivo di ricercare e far conoscere, insieme ai covi del gusto ed agli artigiani del cibo buono pulito e giusto, prodotti e produttori, terroir e patrimoni identitari e culturali materiali e immateriali: in due parole il territorio e la sua storia.

 

 

 

 

IL VINO NEI BRUTTII. Sarà, questo, il tema ed il leit motiv dell’evento al quale, in abbinata alla degustazione di vini in anfora ACRONEO, interverranno Lenin MONTESANTO fiduciario Slow Food POLLINO SIBARITIDE ARBERIA e l’archeologo e produttore Gabriele BAFARO.

 

Prodotti da quest’ultimo ad ACRI, i vini ACRONEO nascono dall’unione di due grandi passioni, quella per l’archeologia e per l’enologia. La produzione dell’ARCHEO-VINO ACRONEO è il frutto, quindi, di una ricerca accurata portato avanti sulle fonti letterarie, iconografiche e archeologiche, attraverso uno studio paleobotanico dei vitigni calabresi che vuole recuperare le viti autoctone e più vicine a quelle trapiantate dai greci nell’VIII sec. a.C. nell’odierna Calabria. Analogo approfondimento è stato effettuato anche sulle anfore greche e romane, per recuperare la forma del contenitore migliore per la vinificazione. Sono state realizzate manualmente da artigiani di fiducia, senza aggiunte di smalti o altri materiali moderni e sono interrate. Per la chiusura, inoltre, sono usati materiali naturali come il legno e le pietre. In tutto il processo non si utilizzano strumenti moderni in acciaio o plastica per offrire al consumatore un prodotto il più vicino possibile al vino dell’antichità.

 

 

Il menu proposto da Gianluigi MICELI, patron de IL CARPACCIO, prevede sfizi e spizzichi, prodotti da forno in terracotta, la MINESTRA MARITATA, la PIGNATA DI SURIACA, il carpaccio di caprino alle olive di giaraRIS E CAPPUCCIU e SSILATELLI. Capretto ARA CARCARA. Sono previsti anche formaggi affinati in coccio. Per dessert i QUAZUNIELLI. 

Il costo della cena è di 30 euro a persona. Per prenotazioni si può contattare il numero di telefono 0984 949205. – (Avv. Lenin MONTESANTO – Comunicazione & Lobbying/3459401195).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *