Kylix e Kantharos

Kylix – è una coppa da vino in ceramica in uso nell’antica Grecia, le fonti ne riferiscono la presenza nei simposi sin dal VI secolo a.C.

Non solo coppa da libagione e da bevuta, fu oggetto d’intrattenimento ludico nel kottabos, gioco ampiamente diffuso nel mondo greco; consisteva nel colpire un bersaglio, di solito un piatto o un vaso, con il vino rimasto nella coppa. La kylix raggiunse il massimo della diffusione a partire dalla fine del VI secolo. Fu nel IV secolo a.C. che, il kantharos, elegante calice a volute in uso nei rituali dionisiaci, la soppiantò.

Eppure, nonostante fosse presente capillarmente nel mondo antico, le fonti non permettono di individuare con certezza quale fosse la forma canonica del kantharos. Se ne hanno di varie forme e dimensioni, distinguibili per le anse che possono essere basse o alte, per l’orlo che può essere più alto e per le dimensioni del corpo che può variare sia in altezza che in larghezza.

Esempi di Kantharos